05/10/2006 Ecologia profonda  
ALCUNE PRECISAZIONI SU LEOPOLD, THOREAU E LA CACCIA REPLICA DEFINITIVA A F. ZUNINO, SEGRETARIO DELL’AIW di Paolo Scroccaro

C’è, in lingua italiana, un’unica versione del bel saggio di Aldo Leopold, "Almanacco di un mondo semplice". Purtroppo l’edizione è da tempo esaurita. Secondo Zunino, quella pregevole versione sarebbe stata astutamente manipolata dagli ecologisti anticaccia, che avrebbero volutamente estromesso le parti dell’opera originaria in cui Leopold scriveva a favore dei cacciatori. In sostanza, le critiche di Zunino nei miei confronti, condite da ripetuti abusi verbali, si basano proprio su questo punto, cioè sulla contraffazione della versione italiana: lasciamolo dunque
parlare. A riprova delle sue ragioni, egli non trova di meglio che riproporre un brano molto significativo a favore della caccia (quello riportato in apertura del suo intervento critico): il brano, non presente nella traduzione italiana, non lascia dubbi e purtroppo per Zunino si commenta da solo. Infatti Leopold sta parlando, evidentemente, dell’uccisione della sua prima anitra, quando appunto era un fervente cacciatore, e questo è risaputo da tutti (a cercar conferme, basterà scorrere
le foto che lo ritraggono in veste di cacciatore). Ma quello che ha trasformato Leopold in un pioniere dell’ecologia radicale, è la svolta che avvenne in un secondo tempo, non certo i suoi trascorsi di cacciatore: e questo è esattamente quello che, al pari di altri, anch’io sostengo, e che Zunino invece rifiuta.
Zunino se la prende con le cattive traduzioni e interpretazioni di Leopold in Italia, e in alternativa si sbraccia a favore dei testi originari di Leopold e Thoreau, e delle rispettive biografie, che abbondano negli Stati Uniti, per ristabilire la verità: bene, facciamo come dice lui. Tra i testi ele biografie ritenuti più autorevoli, vi sono quelli di Susan Flader, Curt Meine e Marybeth Lorbiecki: cosa dicono sul tema oggetto delle intemperanze di Zunino? Sono proprio questi studi a descrivere la svolta ecologista-radicale di Leopold, che lo porta a “Pensarecome una montagna” e ad abbozzare “L’etica della Terra”, per cui divenne famoso. E sono proprio le stesse biografie, ed in particolare quella,imponente e documentata, di Curt Meine, ad attestare l’ostilità rabbiosa dei circoli dei cacciatori per le maturate posizioni di Leopold, ormai critico dell’antropocentrismo e della gestione pianificata delle risorse
forestali (selvaggina inclusa).
Questo dicono le biografie, e a queste mi sono attenuto: tutto il resto l’ha aggiunto Zunino di sua fantasia, proiettando nella polemica la sua viscerale ostilità ideologica contro gli animalisti e gli ecologisti contrari alla caccia.
Per quanto riguarda poi la questione più importante, cioè gli sviluppi possibili della svolta di Leopold, preferisco sospendere il giudizio per un motivo elementare: la vita di Leopold si è chiusa prematuramente, proprio quando il suo orientamento di fondo aveva subito quella promettente virata di 180° di cui narra Susan Flader. La virata apriva un nuovo orizzonte culturale di straordinaria ampiezza e portata. Oggi, scrutando questo orizzonte innovativo, si ricava che c’è un lavoro enorme da fare, (lavoro lasciato in sospeso da Leopold), per sviluppare le molte potenzialità racchiuse nel “Pensare come una montagna”, e per articolare “L’etica della Terra”, applicandola ai problemi del nostro tempo, come sta cercando di fare l’ecologia profonda, ma non solo. Coloro che, come Zunino, denigrano la deep ecology (accusata di voler “suicidare” gli umani) e deprezzano la svolta di Leopold in nome del Leopold fervente cacciatore, alimentano fastidiose polemiche di retroguardia per compiacere i cacciatori e si dimostrano incapaci di apportare contributi costruttivi all’etica della Terra. Quanto a Thoreau, anche qui qualche precisazione s’impone: secondo Zunino, egli criticava la macellazione domestica, più che la caccia, ed era entusiasta della selvaggina che mangiava durante le escursioni nei boschi del Maine. Nei resoconti di Thoreau, si coglie una prospettiva ben diversa. Riferendosi agli animali uccisi dai cacciatori, egli commenta:” In ultima analisi non è poi meglio di ciò che accade in un mattatoio”1. Una valutazione che sembra fatta apposta per smentire Zunino. Di
seguito, egli critica i bianchi e gli indiani che frequentano la natura selvaggia con lo scopo di ammazzare quanti più animali selvatici sia loro possibile. E osserva sconsolato :” Per uno che viene con la matita per disegnare o per descrivere, mille vengono con l’ascia o col fucile. Che uso imperfetto e rozzo fanno della natura gli indiani e i cacciatori!”.
Riferendosi poi ai suoi cedimenti e alle sue collusioni con i cacciatori durante alcune escursioni nel Maine, si rimprovera così :”Per aver fatto anch’io quell’esperienza nei boschi, sentivo la mia natura contaminata, e continuai a sentirla per settimane e settimane, e fui così costretto a ricordare che la nostra vita dovrebbe esser vissuta con la tenerezza e delicatezza con cui si coglie un fiore… mi sentivo severamente osservato dalla natura a causa dell’assassinio dell’alce”2. Non occorre aggiungere altro.
Un quesito finale per Zunino e l’AIW: perché continuare ad assumere come punto di riferimento le umane debolezze e gli eventuali errori di Leopold e Thoreau, da essi stessi riconosciuti come tali, invece di riflettere sulle profonde motivazioni etiche, ecologiche e filosofiche che li hanno indotti a superarli e a modificare radicalmente il loro punto di vista in ordine a quanto sopra?


___________________

1
D. H. Thoreau, Le foreste del Maine, SE, 1999, pag. 55.
2
Come sopra, pag. 55-562012 - 03:29


Fonte:
 

Torna alle news della categoria "Ecologia profonda"
Torna alla pagina delle news

SITI SUGGERITI

 » Facebook di Mario Spinetti
Wild Nahani
 » La compassione Buddhista
Leggere e meditare!
 » Acquisto online libro Mario Spinetti, Napapiiri
Acquista il libro online ad un prezzo scontato (11,90 euro anziché 14 euro, sconto 15%)
 » Napapiiri
Recensione libro Napapiiri, ritorno al selvatico - Il mio Walden di MARIO SPINETTI a cura di Franzo Zunino
 » NAPAPIIRI - RITORNO AL SELVATICO
Nuova pubblicazione di Mario Spinetti
 » HASTA SIEMPRE COMANDANTE!!
Performance by Natalie Cardone
 » Luci del Nord
Galleria fotografica di Mario Spinetti
 » Associazione Eco Filosofica
nel trevigiano
 » Luoghi selvaggi di Robert Macfarlane
 » “Un mondo sbagliato”: come l’ideologia del dominio ci ha allontanati dalla natura
di Jim Mason
 » Desert solitaire. Una stagione nella natura selvaggia
di Edward Abbey
 » Introduzione all'Ecologia di Arne Naess
Finalmente pubblicato in italiano
 » Dai una mano alla Terra
Video, by Greenpeace Italia
 » L'attitudine nefasta della civiltà
di Andrea Bizzocchi
 » Elzbieta Mielczarek
Le stelle nei tuoi occhi
 »  La pittura di Fabrizio Carbone
Wilderness images: dipingere tra ricerca astratta e naturalismo figurativo
 » Il Chaga, il fungo della salute
Un grande regalo dalla natura
 » Il miracolo del fungo Chaga
 » Il cuore che ride
by Charles Bukoski
 » Only Time by Enya
Dedidated to Elzbieta
 » Ecologia profonda
Sito esterno collegato
 » Whitney Houston - I Will Always Love You
Dedicated to Ela
 » La canzone di Ela
A Te (To you)
 » Ora questa canzone la comprendo
C'est la vie
 » Il regalo di Elzbieta
I'll remember you forever
 » La morte non è niente
S. Agostino
 » Franco Zunino
Fondatore della Wilderness in Italia.... ma non solo!!
 » Orchidea, dedicata ad Elzbieta Mielczarek
by Felice Casucci
 » LISTA COMPLETA DOCUMENTI
 » Lo scopo del sito
 » COSA E' L'ECOLOGIA PROFONDA
 » Verso un'Ecologia profonda
 » Il concetto del "valore in sé della natura"
 » L'Ecosofia T di Arne Naess
 » L'Ecologia di superficie
 » La religione
 » Etica della Terra I°
 » Etica della Terra II°
 » Olismo
 » Bioregionalismo
 » L'errore antropocentrico
 » La conservazione della natura
 » Manifesto per la Terra
 » Ecologia
 » WILDERNESS
 » Ecofemminismo
 » Dalla parte del Lupo
 » La conservazione dell'Orso bruno
 » Caccia
 » Pesca
 » Animal liberation
 » Vegetarianesimo
 » VEGAN
 » La rivoluzione ambientale
 » Il "progresso" è antievolutivo
 » I predatori compassionevoli di Franco Zunino
Recensione
 » Guido Dalla Casa
Pubblicazioni
 » Guardare il mondo con gli occhi della natura
Enzo Parisi
 » Foundation for Deep ecology
 » Ecologia profonda.it
 » Ecologia profonda
Reti per il cambiamento
 » Ecologia profonda
Wikipedia
 » Associazione Italiana Wilderness
 » AIW - Documento programmatico

FOCUS

Sito Online di Euweb