07/10/2005 Ecologia  
LO SVILUPPO DELL’ECOLOGIA SCIENTIFICA E L’EMERGENZA DELLE ETICHE AMBIENTALI di Donato Bergandi

L’ecologia scientifica, nelle sue differenti forme - ecologia ecosistemica, ecologia del paesaggio, ecologia globale e umana - trova nel confronto tra il paradigma olista e il paradigma riduzionista uno dei motori della sua evoluzione e del suo rapporto cognitivo al mondo. Anche se il riduzionismo s’è dimostrato in grado di proporre delle metodologie valide ai livelli d’integrazione più diversi - tra gli altri, la fisica, la chimica, la genetica - gli scienziati che studiano le molteplici dinamiche delle relazioni ecologiche, rivendicano il carattere olista della loro disciplina. Ma questa presa di posizione riflette realmente la realtà quotidiana della ricerca, degli approcci metodologici in ecologia ?

Chiarificare questa interrogazione è essenziale poichè tra l’olismo ed il riduzionismo esistono delle antinomie ontologiche, metodologiche e epistemologiche. In effetti, la giustapposizione eventuale di universi di discorso e di pratiche differenti rischia di creare una incoerenza che si potrebbe rivelare come un ostacolo per lo sviluppo delle teorie e dei metodi dell’ecologia scientifica.

In questi ultimi decenni l’ecologia scientifica ha costituito lo sfondo teorico e immaginativo dal quale è emersa la proposizione di una nouva etica, alla ricerca di nuovi equilibri entro le società umane e l’ambiente naturale. La presa di coscienza dei limiti ecologici del pianeta - da parte della comunità scientifica e della società civile - non ha dato tuttavia luogo a degli sviluppi etici univoci. Delle posizioni antropocentriche, che sottolineano i diversi tipi di valore che la natura può rappresentare per l’uomo, si trovano accanto a dei modelli etici biocentrici che prendono posizione per la difesa della vita nelle sue diffrenti forme, oppure, a dei modelli più o meno ecocentrici, che sottolineano il « valore intrinseco », indipendente da ogni tipo di valutazione umana, delle entità naturali.

In effetti, da un punto di vista antropocentrico si può attribuire alla natura differenti tipi di valore - tra gli altri, valore economico, estetico, ludico o spirituale. Una tale posizione trova uno dei suoi punti di riferimento nella responsabilità riguardo alle generazioni future : quest’ultime hanno diritto a un pianeta non impoverito delle sue risorse (sviluppo durevole), e alla possibilità di usufruire delle potenzialità d’evoluzione delle specie (protezione della biodiversità). Da un punto di vista biocentrico lo scopo principale è la protezione delle specie animali e vegetali - specie talvolta « carismatiche » come le tigri, le balene, o gli scimpanzé : una tale prospettiva etica sottolinea sovente le sofferenze che gli uomini riservano agli animali. Infine da un punto di vista ecocentrico, la messa in rilievo del valore intrinseco dei diversi componenti degli ecosistemi, delle specie animali e vegetali, e degli ambienti nei quali queste specie vivono, si fonda sull’idea che ogni entità biotica o abiotica possiede il diritto di esistere in quanto risultato d’una storia evolutiva.



Fonte:
 

Torna alle news della categoria "Ecologia"
Torna alla pagina delle news

SITI SUGGERITI

 » Facebook di Mario Spinetti
Wild Nahani
 » La compassione Buddhista
Leggere e meditare!
 » Acquisto online libro Mario Spinetti, Napapiiri
Acquista il libro online ad un prezzo scontato (11,90 euro anziché 14 euro, sconto 15%)
 » Napapiiri
Recensione libro Napapiiri, ritorno al selvatico - Il mio Walden di MARIO SPINETTI a cura di Franzo Zunino
 » NAPAPIIRI - RITORNO AL SELVATICO
Nuova pubblicazione di Mario Spinetti
 » HASTA SIEMPRE COMANDANTE!!
Performance by Natalie Cardone
 » Luci del Nord
Galleria fotografica di Mario Spinetti
 » Associazione Eco Filosofica
nel trevigiano
 » Luoghi selvaggi di Robert Macfarlane
 » “Un mondo sbagliato”: come l’ideologia del dominio ci ha allontanati dalla natura
di Jim Mason
 » Desert solitaire. Una stagione nella natura selvaggia
di Edward Abbey
 » Introduzione all'Ecologia di Arne Naess
Finalmente pubblicato in italiano
 » Dai una mano alla Terra
Video, by Greenpeace Italia
 » L'attitudine nefasta della civiltà
di Andrea Bizzocchi
 » Elzbieta Mielczarek
Le stelle nei tuoi occhi
 »  La pittura di Fabrizio Carbone
Wilderness images: dipingere tra ricerca astratta e naturalismo figurativo
 » Il Chaga, il fungo della salute
Un grande regalo dalla natura
 » Il miracolo del fungo Chaga
 » Il cuore che ride
by Charles Bukoski
 » Only Time by Enya
Dedidated to Elzbieta
 » Ecologia profonda
Sito esterno collegato
 » Whitney Houston - I Will Always Love You
Dedicated to Ela
 » La canzone di Ela
A Te (To you)
 » Ora questa canzone la comprendo
C'est la vie
 » Il regalo di Elzbieta
I'll remember you forever
 » La morte non è niente
S. Agostino
 » Franco Zunino
Fondatore della Wilderness in Italia.... ma non solo!!
 » Orchidea, dedicata ad Elzbieta Mielczarek
by Felice Casucci
 » LISTA COMPLETA DOCUMENTI
 » Lo scopo del sito
 » COSA E' L'ECOLOGIA PROFONDA
 » Verso un'Ecologia profonda
 » Il concetto del "valore in sé della natura"
 » L'Ecosofia T di Arne Naess
 » L'Ecologia di superficie
 » La religione
 » Etica della Terra I°
 » Etica della Terra II°
 » Olismo
 » Bioregionalismo
 » L'errore antropocentrico
 » La conservazione della natura
 » Manifesto per la Terra
 » Ecologia
 » WILDERNESS
 » Ecofemminismo
 » Dalla parte del Lupo
 » La conservazione dell'Orso bruno
 » Caccia
 » Pesca
 » Animal liberation
 » Vegetarianesimo
 » VEGAN
 » La rivoluzione ambientale
 » Il "progresso" è antievolutivo
 » I predatori compassionevoli di Franco Zunino
Recensione
 » Guido Dalla Casa
Pubblicazioni
 » Guardare il mondo con gli occhi della natura
Enzo Parisi
 » Foundation for Deep ecology
 » Ecologia profonda.it
 » Ecologia profonda
Reti per il cambiamento
 » Ecologia profonda
Wikipedia
 » Associazione Italiana Wilderness
 » AIW - Documento programmatico

FOCUS

Sito Online di Euweb