26/01/2006 Conservazione  
La distruzione delle foreste, dal sito di Greenpeace Italia

Fonte 1:Greenpeace Italia
Fonte 2:Campagna Foreste Greenpeace

L'80% circa delle foreste che nel passato ricoprivano la superficie del pianeta sono state distrutte, e la maggior parte di queste negli ultimi 30 anni. Un quinto di questa percentuale è attribuibile al disboscamento. La maggior parte di queste foreste sono state distrutte da compagnie del legname. 76 paesi hanno praticamente già perso tutte le foreste. Greenpeace crede sia giunto il momento di agire.

Perché le foreste sono tanto importanti?
Le foreste sono la più ricca espressione di tre milioni di anni di evoluzione della vita sulla terra. Esse racchiudono all'incirca il 90% delle specie animali e vegetali viventi sul pianeta, dai gufi alle orchidee, dagli orsi ai coleotteri, dai muschi ai giaguari. Molte specie non sopravviveranno senza vaste aree di foresta in cui spostarsi. Le foreste tropicali per esempio coprono solamente il 7% della superficie del pianeta, ma ospitano circa la metà delle specie animali e vegetali della terra. Molte di queste specie sono ancora sconosciute.

Le foreste sono insostituibili
Le foreste giocano un ruolo fondamentale per le dinamiche del clima a livello planetario. Quando vengono distrutte rilasciano in atmosfera grandi quantità di carbonio, contribuendo in maniera notevole all'effetto serra. Le emissioni di carbonio in atmosfera aumentano del 20% all'anno a causa delle deforestazione. Basti pensare che gli incendi divampati nella foresta pluviale Indonesiana nel 1997 hanno rilasciato quantità di anidride carbonica pari a quelle rilasciate annualmente dalla combustione di combustibili fossili in Europa Occidentale. La distruzione delle foreste accelera i cambiamenti climatici.

L'industria del legno - primo fattore di penetrazione di foreste incontaminate - è tristemente divenuta sinonimo di sopraffazione nei confronti delle popolazioni indigene, che vengono private delle proprie risorse naturali e delle proprie tradizioni culturali incentrate su un rapporto di completa armonia con la foresta. Per molte etnie, infatti, la foresta rappresenta la terra di appartenenza, la casa. Per migliaia di anni hanno vissuto in questi luoghi senza danneggiarli in alcun modo. L'industria del legname danneggia le culture native.

La distruzione delle foreste non è necessaria.
Stiamo letteralmente sprecando le mostre ultime foreste: le foreste vengono abbattute per produrre carta e prodotti del legno a basso prezzo, come carta igienica, cartoni per il latte, stuzzicadenti e guide telefoniche. Enormi quantità di compensato, compreso quello usa e getta utilizzato nelle impalcature per il calcestruzzo, provengono dalle foreste. Nulla di tutto ciò è necessario. Se usassimo carta e legno in maniera più appropriata, la domanda per queste risorse potrebbe venir soddisfatta dalla gestione mirata di altri tipi di fonti, quali silvicoltura e pratiche sostenibili di gestione forestale. Adottando modelli di consumo più responsabili e riciclando carta e legname possiamo salvare le foreste.

Chi sono i maggiori responsabili?
Grandi compagnie del legname Europee, Nord Americane e Asiatiche stanno consapevolmente distruggendo le ultime foreste rimaste sul pianeta. Stati Uniti, Europa e Giappone consumano molta pasta di cellulosa, carta e prodotti in legno provenienti dalle foreste. I paesi più ricchi del mondo e le loro compagnie stanno devastando le foreste.

Vuoi essere parte della soluzione, o parte del problema?
Ogni giorno acquistiamo oggetti in legno e in carta. Spesso si tratta di oggetti necessari, ma possiamo sempre scegliere di evitare quelli provenienti dalla distruzione di foreste millenarie: anche da questo dipende il futuro delle foreste. Possiamo acquistare passivamente tutto quello che il mercato ci propone, e allora saremo complici della distruzione. Ma possiamo anche fare molto per proteggere le foreste: dobbiamo evitare di comprare legno proveniente da antiche foreste, soprattutto tropicali; dobbiamo scegliere legno certificato FSC; dobbiamo riciclare quanta più carta è possibile; dobbiamo soprattutto chiedere sempre da dove proviene quello che stiamo acquistando.




Fonte:
 

Torna alle news della categoria "Conservazione"
Torna alla pagina delle news

SITI SUGGERITI

 » E-book, NAPAPIRI, return to the wild (My Walden)
In English version - Free download (google drive)
 » E-book, NAPAPIIRI, ritorno al selvatico (Il mio Walden)
Free download (richiede Google Drive)
 » Facebook di Mario Spinetti
Wild Nahani
 » La compassione Buddhista
Leggere e meditare!
 » Acquisto online libro Mario Spinetti, Napapiiri
Acquista il libro online ad un prezzo scontato (11,90 euro anziché 14 euro, sconto 15%)
 » Napapiiri
Recensione libro Napapiiri, ritorno al selvatico - Il mio Walden di MARIO SPINETTI a cura di Franzo Zunino
 » HASTA SIEMPRE COMANDANTE!!
Performance by Natalie Cardone
 » Associazione Eco Filosofica
nel trevigiano
 » Luoghi selvaggi di Robert Macfarlane
 » “Un mondo sbagliato”: come l’ideologia del dominio ci ha allontanati dalla natura
di Jim Mason
 » Desert solitaire. Una stagione nella natura selvaggia
di Edward Abbey
 » Introduzione all'Ecologia di Arne Naess
Finalmente pubblicato in italiano
 » Dai una mano alla Terra
Video, by Greenpeace Italia
 » L'attitudine nefasta della civiltà
di Andrea Bizzocchi
 » Elzbieta Mielczarek
Le stelle nei tuoi occhi
 »  La pittura di Fabrizio Carbone
Wilderness images: dipingere tra ricerca astratta e naturalismo figurativo
 » Il Chaga, il fungo della salute
Un grande regalo dalla natura
 » Il miracolo del fungo Chaga
 » Il cuore che ride
by Charles Bukoski
 » Only Time by Enya
Dedidated to Elzbieta
 » Ecologia profonda
Sito esterno collegato
 » Whitney Houston - I Will Always Love You
Dedicated to Ela
 » La canzone di Ela
A Te (To you)
 » Ora questa canzone la comprendo
C'est la vie
 » Il regalo di Elzbieta
I'll remember you forever
 » La morte non è niente
S. Agostino
 » Franco Zunino
Fondatore della Wilderness in Italia.... ma non solo!!
 » Orchidea, dedicata ad Elzbieta Mielczarek
by Felice Casucci
 » LISTA COMPLETA DOCUMENTI
 » Lo scopo del sito
 » COSA E' L'ECOLOGIA PROFONDA
 » Verso un'Ecologia profonda
 » Il concetto del "valore in sé della natura"
 » L'Ecosofia T di Arne Naess
 » L'Ecologia di superficie
 » La religione
 » Etica della Terra I°
 » Etica della Terra II°
 » Olismo
 » Bioregionalismo
 » L'errore antropocentrico
 » La conservazione della natura
 » Manifesto per la Terra
 » Ecologia
 » WILDERNESS
 » Ecofemminismo
 » Dalla parte del Lupo
 » La conservazione dell'Orso bruno
 » Caccia
 » Pesca
 » Animal liberation
 » Vegetarianesimo
 » VEGAN
 » La rivoluzione ambientale
 » Il "progresso" è antievolutivo
 » I predatori compassionevoli di Franco Zunino
Recensione
 » Guido Dalla Casa
Pubblicazioni
 » Guardare il mondo con gli occhi della natura
Enzo Parisi
 » Foundation for Deep ecology
 » Ecologia profonda.it
 » Ecologia profonda
Reti per il cambiamento
 » Ecologia profonda
Wikipedia
 » Associazione Italiana Wilderness
 » AIW - Documento programmatico

FOCUS

Sito Online di Euweb