01/04/2006 Aspetti sociali  
L'Ecologia profonda per una ecologia sociale

La riaffermazione dei principi base dell’ecologia profonda, se ipoteticamente vengano metabolizzati dall’odierna società, si evidenzieranno una lunghissima serie di benefici a livello sociale, benefici che sarebbero inevitabili in quanto l’ecologia profonda non propina qualcosa di astratto e di teorico, ma semplicemente ciò che era in essere in ciascuno di noi. L’uomo durante il suo cammino ha smarrito le direttive dell’universalità delle cose, dell’unità, del non dualismo e così facendo ha trasformato il suo essere in un elemento di fortissimo disturbo per se stesso e per il resto della natura tutta. Ecco dunque comprendere come le direttive dell’ecologia profonda possano rempostare tutte le funzionalità del sistema e riarmonizzare l’andamento sociale ed interpersonale. Risorgerà una nuova dinamicità su tutti i fronti ed ogni elemento si riapproprierà del suo valore e dimensione.
I risvolti sociali appariranno quindi fantasticamente armoniosi ed in ogni struttura si vivrà nella giusta e egalitaria dimensione. Nel lavoro si sarà onesti, nei rappori sinceri, la natura sarà un tutt’uno con il nostro essere, ecc. In altre parole si riaffermerà il valore in sé delle cose e di conseguenza esse si riapproprieranno di un incommensurabile valore universale senza mai entrare nella sfera della supremazia. Parleremo del complesso dei viventi, dell’unica sostanza delle strutture e, dal punto di vista sociale, non ci si dovrà più muovere in una giungla di soprusi, guerre, sopraffazione, ecc.

I principi basilari dell’ecologia profond,se li riassumiamo nuovamente ci renderemo ancora più conto di quando gli aspetti sociali muterebbero radicalmente. Ricordiamo infatti (da Devall & Sessions, 1989):

1. Il benessere e la prosperità della vita umana e non umana sulla Terra hanno valore per se stesse (in altre parole: hanno un valore intrinseco o inerente). Questi valori sono indipendenti dall’utilità che il mondo non umano può avere per l’uomo.
2. La ricchezza e la diversità delle forme di vita contribuiscono alla realizzazione di questi valori e sono inoltre valori in sé.
3. Gli uomini non hanno alcun diritto di impoverire questa ricchezza e diversità a meno che non debbano soddisfare esigenze vitali.
4. La prosperità della vita e delle culture umane è compatibile con una sostanziale diminuizione della popolazione umana: la prosperità della vita non umana esige tale diminuizione.
5. L’attuale interferenza dell’uomo nel mondo non umano è eccessiva e la situazione sta peggiorando progressivamente.
6. Di conseguenza le scelte collettive devono essere cambiate. Queste scelte influenzano le strutture ideologiche, tecnologiche ed economiche fondamentali. Lo stato delle cose che ne risulterà sarà profondamente diverso da quello attuale.
7. Il mutamento ideologico consiste principalmente nell’apprezzamento della qualità della vita come valore intrinseco piuttosto che nell’adesione a un tenore di vita sempre più alto. Dovrà essere chiara la differenza tra ciò che è grande qualitativamente e ciò che lo è quantitativamente.
8. Chi condivide i punti precedenti è obbligato, direttamente o indirettamente, a tentare di attuare i cambiamenti necessari.

Appare chiaro dunque come una nuova welthanshaung si potrebbe erigere nell’intimo dell’uomo e conseguentemente si beneficerà di inevitabili contraccolpi fortmente positivi. Dobbiamo comprenere che ciò che ci dice l’ecologia profonda non è un’edeologia inalberata da qualche mente astratta, studiata a tavolino e teorizzata per un numero di adepti; al contrario, essa, come abbiamo innumerevole volte visto, ripropone elementi che sono da sempre appartenuti alla madre terra e che solo l’uomo con la sua arroganza e contaminazione ha voluto brutalmente recidere. In effetti, allo stato attuale, l’armonia ed il rispetto integrale della vita umana e non è quasi del tutto assente, per porre la questione in forma ottimistica. Un discorso veramente realistico dovrebbe affermare che la disintegrazione di tuti gli elementi è sempre più vicina e la via da riprendere del tutto smarrita. Si corre verso il vuoto, verso la malvagità e la cieca logica del profitto e della prevaricazione. Se applicata la terminologia tra ecologia profonda ed ecologia sociale sarebbe la medesima perché ritornando alla giusta pariteticità si annullerebbero le distinzioni. Forse è il sogno di pochi, forse è l’illusione dei più sinceri, ma lotteremo sino in fondo affinché ogni valore riconquisti il suo valore in sé e terminerà la distruzione del pianeta terra e della socialità umana.



Fonte:
 

Torna alle news della categoria "Aspetti sociali"
Torna alla pagina delle news

SITI SUGGERITI

 » Facebook di Mario Spinetti
Wild Nahani
 » La compassione Buddhista
Leggere e meditare!
 » Acquisto online libro Mario Spinetti, Napapiiri
Acquista il libro online ad un prezzo scontato (11,90 euro anziché 14 euro, sconto 15%)
 » Napapiiri
Recensione libro Napapiiri, ritorno al selvatico - Il mio Walden di MARIO SPINETTI a cura di Franzo Zunino
 » NAPAPIIRI - RITORNO AL SELVATICO
Nuova pubblicazione di Mario Spinetti
 » HASTA SIEMPRE COMANDANTE!!
Performance by Natalie Cardone
 » Luci del Nord
Galleria fotografica di Mario Spinetti
 » Associazione Eco Filosofica
nel trevigiano
 » Luoghi selvaggi di Robert Macfarlane
 » “Un mondo sbagliato”: come l’ideologia del dominio ci ha allontanati dalla natura
di Jim Mason
 » Desert solitaire. Una stagione nella natura selvaggia
di Edward Abbey
 » Introduzione all'Ecologia di Arne Naess
Finalmente pubblicato in italiano
 » Dai una mano alla Terra
Video, by Greenpeace Italia
 » L'attitudine nefasta della civiltà
di Andrea Bizzocchi
 » Elzbieta Mielczarek
Le stelle nei tuoi occhi
 »  La pittura di Fabrizio Carbone
Wilderness images: dipingere tra ricerca astratta e naturalismo figurativo
 » Il Chaga, il fungo della salute
Un grande regalo dalla natura
 » Il miracolo del fungo Chaga
 » Il cuore che ride
by Charles Bukoski
 » Only Time by Enya
Dedidated to Elzbieta
 » Ecologia profonda
Sito esterno collegato
 » Whitney Houston - I Will Always Love You
Dedicated to Ela
 » La canzone di Ela
A Te (To you)
 » Ora questa canzone la comprendo
C'est la vie
 » Il regalo di Elzbieta
I'll remember you forever
 » La morte non è niente
S. Agostino
 » Franco Zunino
Fondatore della Wilderness in Italia.... ma non solo!!
 » Orchidea, dedicata ad Elzbieta Mielczarek
by Felice Casucci
 » LISTA COMPLETA DOCUMENTI
 » Lo scopo del sito
 » COSA E' L'ECOLOGIA PROFONDA
 » Verso un'Ecologia profonda
 » Il concetto del "valore in sé della natura"
 » L'Ecosofia T di Arne Naess
 » L'Ecologia di superficie
 » La religione
 » Etica della Terra I°
 » Etica della Terra II°
 » Olismo
 » Bioregionalismo
 » L'errore antropocentrico
 » La conservazione della natura
 » Manifesto per la Terra
 » Ecologia
 » WILDERNESS
 » Ecofemminismo
 » Dalla parte del Lupo
 » La conservazione dell'Orso bruno
 » Caccia
 » Pesca
 » Animal liberation
 » Vegetarianesimo
 » VEGAN
 » La rivoluzione ambientale
 » Il "progresso" è antievolutivo
 » I predatori compassionevoli di Franco Zunino
Recensione
 » Guido Dalla Casa
Pubblicazioni
 » Guardare il mondo con gli occhi della natura
Enzo Parisi
 » Foundation for Deep ecology
 » Ecologia profonda.it
 » Ecologia profonda
Reti per il cambiamento
 » Ecologia profonda
Wikipedia
 » Associazione Italiana Wilderness
 » AIW - Documento programmatico

FOCUS

Sito Online di Euweb